Dichiarazioni di Annarita Pilotti, Presidente di Assocalzaturifici

 “Purtroppo in quest’ultima edizione di Obuv Mir Kozhi – afferma la Presidente di Assocalzaturifici Annarita Pilotti - abbiamo riscontrato un considerevole ridimensionamento degli ordini da parte di buyer russi soprattutto su prodotti italiani di fascia alta che oscilla tra il 30% e 50%, accompagnato per di più da un calo d’affluenza stimato attorno al 20%. Ci aspettavamo risultati ben diversi, ma evidentemente a causa del deprezzamento del rublo e di un quadro di incertezza economica persistente, occorrerà ancora del tempo per ottenere una ripresa del calzaturiero in Russia e nell’area CSI. Il potere d’acquisto del consumatore d’altronde si è eroso in modo considerevole negli ultimi due anni”.

La Presidente ribadisce inoltre ai partner russi di dell’Expocentr la necessità di un riposizionamento di Obuv’ Mir Koži all’interno del calendario fieristico russo - evitando l’apertura della manifestazione di lunedì – e di organizzare gli spazi espositivi per soddisfare maggiormente le esigenze dei nostri buyer.

“E’ importante ribadire però che nonostante il momento di forte difficoltà per il calzaturiero italiano in Russia, Obuv’ Mir Koži andata in scena a Mosca dal 3 al 6 ottobre, rimane un appuntamento imprescindibile per le nostre imprese”, afferma Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici a margine della manifestazione russa.

Per queste ragioni Assocalzaturifici continuerà ad investire sul mercato della CSI in progetti concreti, dando il massimo supporto alle tante imprese che da tempo vi lavorano anche attraverso il programma di agevolazioni e voucher. “È importante a tal proposito - aggiunge Pilotti - che il ministero dello Sviluppo Economico ci affianchi in questo sforzo significativo, finanziando in modo strategico i progetti che mettono al centro le esigenze delle nostre imprese e coordinando con una regia più incisiva le diverse iniziative promozionali territoriali, che rischiano di disperdere forze e risorse. A questo proposito mi auguro soprattutto che tutte le regioni calzaturiere, a partire da Regione Marche, diano il loro contributo a tali progetti mirati”.

“Ancora un ringraziamento all’importante lavoro svolto da ICE Mosca – conclude la Presidente – nell’attività di selezione e scouting di operatori nelle regioni della Federazione Russa; un sopporto fondamentale che deve essere potenziato in futuro”.

10/10/2016